Buon Giorno

ore 11:25

www.robertogole.it




Av.prat.aziendale (cl 1)

Materiale didattico

Principale

Le infiorescenze

L’infiorescenza è un insieme di fiori inseriti sullo stesso peduncolo.

Le infiorescenze possono essere classificate in monopodiali (indefinite o racemose) e simpodiali (definite o cimose).

Le infiorescenze monopodiali o indefinite o racemose presentano un asse principale che tende ad allungarsi indefinitivamente, con produzione laterale di nuovi fiori. I fiori nuovi sono posti nelle vicinanze dell’apice e quelli più vecchi alla base dell’infiorescenza. Le infiorescenze racemose possono essere suddivise in infiorescenze con asse allungato longitudinalmente, e in infiorescenze con asse principale accorciato.

Le infiorescenze simpodiali o definite o cimose presentano un asse principale che termina con un fiore, al disotto del quale si formano nuovi assi con nuovi fiori terminali. I fiori vecchi sono prossimi all’apice, mentre quelli più giovani sono più lontani da essa.

Le infiorescenze monopodiali

Infiorescenze monopodiali con asse principale allungatoInfiorescenze monopodiali con asse principale allungato

  • Grappolo o racemo: Infiorescenza con fiori peduncolati (A);

  • Spiga: Infiorescenza con fiori sessili (B);

  • Amento, gattino o gattice: tipo particolare di spiga, con asse flessibile e generalmente pendulo. Presenta fiori unisessuati (C);

  • Spadice: spiga con asse ingrossato e avvolto da una grande brattea (D);

  • Corimbo: infiorescenza con fiori peduncolati che giungono alla stessa altezza (E);

  • Strobilo: tipica infiorescenza femminile delle conifere, con asse portante simile alla spiga circondato da squame o brattee che lignificano a maturazione (F).

Infiorescenze monopodiali con asse principale accorciatoOmbrella

CapolinoLe principali tipologie di Infiorescenze monopodiali con asse principale accorciato sono rappresentate dall’ombrella (Infiorescenza con fiori peduncolati che partono dallo stesso punto d’inserzione. Se i peduncoli hanno la stessa lunghezza, l’infiorescenza assume la forma di una sfera o di una semisfera) e dal capolino (Infiorescenza con fiori fortemente ravvicinati, tubulosi al centro e ligulati all’esterno).

Infiorescenze simpodiali, o definite o cimose

Dicasio (in alto) e monocasio (in basso)Le infiorescenze simpodiali possono essere classificate in dicasio o cima bipara e monocasio o cima unipara.

Il dicasio o cima bipara è un’infiorescenza che presenta due rami fioriferi tra loro opposti sotto il fiore terminale (parte superiore dell'immagine).

Il monocasio o cima unipara è un’infiorescenza che presenta, sotto il fiore terminale, un solo ramo fiorifero (Parte inferiore dell'immagine).

Esistono due tipi di monocasio: la Cima scorpioide o bostrice (Tutti i rami successivi al primo si formano su un solo lato, dando luogo ad una spirale) e la Cima elicoide (Ogni ramo fiorifero successivo al primo, si forma sul prolungamento di quello che lo porta)

Infiorescenze composte

Le infiorescenze composte sono costituite a un asse principale su cui sono inseriti diversi rami fioriferi che possono ramificarsi in successione.

Le principali sono le seguenti:

  • Pannocchia, tirso o grappolo composto o racemo composto:Infiorescenze composte infiorescenza ramificata, con i rami successivi più corti degli assi portanti (A);
  • Ombrella composta o cima composta: Infiorescenza che presenta rami verticillati di primo ordine, che terminano con ombrelle (B);
  • Antela: Pannocchia in cui ogni ramo è più lungo di quello dell’asse che lo porta (C);
  • Spiga composta: L’asse principale porta delle spighette (D);
  • Corimbo Composto: L’asse principale porta corimbi di secondo ordine, con fiori che giungono pressappoco alla stessa altezza (E);
  • Cima ombrelliforme o pleiocasio: Sotto il fiore terminale di ogni asse si formano più di due rami (F);
  • Grappolo di ombrelle Grappolo recante sull’asse delle piccole ombrelle (G);
  • Grappolo di spighe: Grappolo recante sull’asse delle spighe (H);
  • Spicastro: Insieme di infiorescenze a dicasio inserite all’ascella di due foglie o brattee (I);
  • Capolino composto: Asse principale terminante in un capolino, portante assi laterali alterni terminanti in capolino (J).

Infiorescenze particolari

Alcune infiorescenze sono del tutto particolari e non possono essere inserite fra quelle descritte in precedenza.

Ciazio (a sinistra)  e sicono (a destra).Due esempi sono rappresentati dal ciazio e dal sicono.

Il ciazio è un’infiorescenza composta da un fiore femminile isolato, circondato da numerosi fiori maschili chiusi in un involucro, difeso da brattee.

Il sicono è un’infiorescenza con un asse che forma una cavità rivestita di piccoli fiori è tipico del fico.

Formato stampabile

Scarica

Index



© 2005
 Roberto Golè

Valid HTML 4.01!